663

Viaggiare con minori: regole e documenti necessari

La normativa relativa ai minori in viaggio è abbastanza complessa, perché è in continua evoluzione e varia a seconda della destinazione del viaggio, della cittadinanza di chi viaggia e del mezzo di trasporto utilizzato. Con questo articolo Il Magazine del Viaggiatore prova a fare un po’ di chiarezza, fornendovi tutte le informazioni utili al riguardo.

Avete programmato tutto per volare a Parigi e trascorrere una meritata vacanza con la vostra famiglia, ma non sapete quali documenti necessitano i vostri pargoli per poter viaggiare? In questo articolo troverete le informazioni utili sulla documentazione necessaria quando si viaggia con dei minori.

Avvertenze generali

Per evitare sorprese è sempre bene informarsi con largo anticipo. In caso di viaggi organizzati è consigliabile chiedere indicazioni direttamente all’agenzia o al tour operator mentre, se si ha in programma un viaggio fai da te, il suggerimento è di consultare le fonti ufficiali della Polizia di Stato, del Ministero degli Affari Esteri italiano e dell’Ue che sono indicati di seguito; un suggerimento che rimane valido anche dopo la lettura di questo articolo esauriente ed aggiornato con le novità introdotte negli ultmi anni, poiché, come già scritto, la normativa italiana ed europea in materia è in costante evoluzione.
shutterstock_400379983

Viaggiare in Italia con minori

Come regola generale, se si parte con un minore per un viaggio all’interno dei confini nazionali, non sono necessari particolari documenti per i bambini.
Tuttavia, se si decide di viaggiare in aereo, anche all’interno del Paese, è richiesto ai minori un documento individuale di riconoscimento. Secondo la normativa vigente, anche i minori di 15 anni possono richiedere il rilascio di una carta d’identità individuale che è di durata triennale (per i minori da 0 a 3 anni) o quinquennale (per i minori fra i 3 e i 17 anni). Per ottenerla i genitori devono recarsi con tre fototessere presso l’Ufficio Anagrafe del Comune di residenza.
shutterstock_253301299

Viaggiare in Europa con minori

Dal 26 giugno 2012, per poter viaggiare all’interno dell’Unione Europea, i minori devono essere in possesso del passaporto individuale o della carta d’identità valida per l’espatrio (la validità per l’espatrio deve essere richesta espressamente alle autorità competenti). Se il minore ha meno di 14 anni e deve recarsi in una destinazione dell’Ue senza i genitori, occorre richiedere il rilascio di un’autorizzazione specifica da parte della questura. Altri dettagli sono reperibili sul sito dell’Ue.
shutterstock_568113985

Viaggiare con minori in Paesi extra-europei

Fino a poco tempo fa i genitori dei minori potevano iscrivere il figlio nel proprio passaporto. A partire dal 26 giugno 2012, questa procedura non è più valida (ma il passaporto col figlio iscritto rimane valido per il genitore fino alla sua naturale scadenza): ai minori in viaggio verso Paesi extraeuropei è richiesto il possesso di un passaporto individuale (quelli con durata decennale rilasciati prima del 25 novembre 2009 restano validi, a condizione che siano inclusi i dati dei genitori per i minori di 14 anni). Come per la carta d’intentità, anche per il passaporto esistono due tipologie di validità a seconda dell’età del bambino o ragazzo: triennale per i minori da 0 a 3 anni, quinquennale per i minori da 3 a 17 anni.
shutterstock_322320836

Per ottenere il rilascio di questo documento la procedura prevede l’assenso di entrambi i genitori (o il nulla osta del giudice tutelare). Se uno dei due genitori dà il proprio assenso, ma è impossibilitato a presentarsi per la dichiarazione, può fornire all’altro genitore una dichiarazione scritta di assenso all’espatrio, insieme alla fotocopia del proprio documento d’identità, firmato in orginale.
Sul sito Viaggiaresicuri curato dalla Farnesina, è possible verificare nel dettaglio i documenti necessari (ed eventualmente visti o permessi speciali) per visitare i vari Paesi del mondo.
shutterstock_515562400

Passaporto per minori: dove e come presentare domanda

La richiesta di passaporto va presentata in questura o, se il richiedente si trova all’estero, nelle rappresentanze diplomatiche. Secondo la normativa vigente i nuovi passaporti con microchip non prevedono l’acquisizione delle impronte e la firma digitalizzata per i minori di età inferiore ai 12 anni. Sono invece sempre presenti sul passaporto, a prescindere dall’età del minore, i dati anagrafici dei genitori viventi.
shutterstock_619776374

La documentazione necessaria per presentare la domanda è la seguente:

- un documento di riconoscimento valido del minore (è consigliabile portare con sé anche una fotocopia dello stesso);
- 2 foto formato tessera del minore;
- 1 contrassegno telematico di 40,29 euro che sostituisce la vecchia marca da bollo, ha valore annuale e va acquistato presso una rivendita di valori bollati, prima di recarsi all’Ufficio competente per il rilascio dei passaporti;
- ricevuta di pagamento di euro 42,50, effettuato tramite bolletino di conto corrente (bolletini pre-compilati sono reperibili negli uffici postali), intestato al Ministero dell’Economia e delle Finanze, con causale “importo per il rilascio del passaporto elettronico”.
shutterstock_84434530

Il sito della Polizia di Stato, oltre a spiegare nei dettagli l’iter burocratico e fornire tutta la documentazione necessaria da compilare, consente al richiedente di ridurre i tempi di attesa, prenotando online il proprio appuntamento in questura.

Normativa vigente sull’accompagnamento dei minori in viaggio

I minori dai 14 ai 17 anni possono viaggiare senza accompagnatori sia all’interno dell’Ue che per destinazioni extra Ue.
shutterstock_233906977

Fino al compimento dei 14 anni, invece, i minori possono espatriare solo se:

- accompagnati da un genitore (o chi esercita la potestà genitoriale), previa iscrizione dei dati dei genitori o del tutore all’interno del passaporto del minore oppure esibizione al momento dell’espatrio dello stato di famiglia o dell’estratto di nascita o del documento di nomina del tutore;
- affidati ad un accompagnatore munito di dichiarazione di accompagnamento;
- affidati con dichiarazione di accompagno dai genitori o dal tutore ad un Ente (di solito la compagnia aerea).

La dichiarazione di accompagnamento deve riportare il nome dell’accompagnatore o Ente a cui viene affidato il minore, deve essere sottoscritta dai genitori o dal tutore, e va presentata in questura (meglio portare insieme alla dichiarazione i documenti dell’accompagnatore, dei genitori e del minore). Effettuata tale procedura la questura rilascerà un documento di autorizzazione, che andrà presentato dall’accompagnatore alla frontiera insieme al passaporto del minore in corso di validità.
shutterstock_286428587

Aggiornamento

Dal 4 giugno 2014 è entrata in vigore la nuova disciplina riguardante la dichiarazione di accompagnamento; queste le principali novità:

- la dichiarazione di accompagnamento può riguardare un solo viaggio (da intendersi come andata e/o ritorno) dal Paese di residenza del minore con destinazione determinata e non può eccedere, di norma, il termine massimo di sei mesi;

- gli esercenti la responsabilità genitoriale o tutoria possono indicare fino ad un massimo di due accompagnatori, che saranno tuttavia alternativi fra di loro;

- nel rendere la dichiarazione di accompagnamento, gli esercenti la responsabilità genitoriale o tutoria possono chiedere che i nominativi degli accompagnatori, la durata del viaggio e la destinazione siano stampati sul passaporto del minore o in alternativa che tali dati siano riportati in una separata attestazione, che verrà stampata dall’Ufficio competente;

- nel caso in cui il minore sia affidato ad un ente o ad una compagnia di trasporto, al fine di garantire la completezza e la leggibilità dei dati relativi al viaggio, è rilasciata unicamente l’attestazione. Si suggerisce, prima di acquistare il biglietto della compagnia di trasporto di verificare che la stessa accetti che il minore sia ad essa affidato.

shutterstock_367294208

6 commenti

  • Alessia Rispondi

    Ciao,ho 15 anni compiuti a marzo e volevo sapere se posso fare un viaggio in aereo all’interno dell’Italia con solo l’autorizzazione di un genitore essendo questi separati. Spero in una risposta grazie mille

    • Antonio Gambino Rispondi

      Ciao Alessia,

      per una domanda così specifica ti invitiamo a rivolgerti alla tua questura di riferimento.

  • Erald Rispondi

    Salve,
    Ho 15 anni compiuti da 6 mesi volevo sapere se potevo andare in Albania con mio zio in macchina.
    Avendo fatto la carta d’identità l’anno scorso mi basta solo la carta d’identità?

    • Antonio Gambino Rispondi

      Ciao Erald,
      Per quanto ne sappiamo occorre un’autorizzazione da parte della questura, come scritto nell’articolo. Il nostro consiglio è di contattare la Farnesina e l’ambasciata o i consolati albanesi presenti in Italia per ogni ulteriore chiarimento.

  • Di Lello Felice Rispondi

    Salve a tutti,vorrei sapere se la dichiarazione di accompagno fatta convalidare dal comune con le rispettive carte d’identità bastano per mandare la propria figlia di 14 anni per una vacanza in Albania con le generalità del l’accompagnatore e del consenso da parte dei genitori riportato sull’atto di accompagnamento stesso…..grazie a tutti.

    • Antonio Gambino Rispondi

      Buongiorno,
      Per quanto ne sappiamo occorre un’autorizzazione da parte della questura, come scritto nell’articolo. Il nostro consiglio è di contattare la Farnesina e l’ambasciata o i consolati albanesi presenti in Italia per ogni ulteriore chiarimento.