660

Magico Salento, per un road trip nel tacco d’Italia

La splendida Lecce e le testimonianze di una storia milleneria, ma anche spiagge caraibiche, località estive di grido e bellezze naturali impareggiabili: Il Magazine del Viaggiatore vi propone un itinerario in auto alla scoperta del Salento, il meraviglioso tacco del Bel Paese.

La penisola salentina occupa l’estremità meridionale della Puglia, fra il Mar Ionio e il Mare Adriatico. Considerato uno degli angoli più belli d’Italia, il Salento è diventato negli ultmi anni una delle più rinomate destinazioni turistiche del Bel Paese grazie a bellezze naturali e spiagge che non hanno nulla da invidiare ai Caraibi o alle Maldive, a cui si aggiungono grandi tesori storico-artistici e località incantevoli, che d’estate si riempiono di giovani e vacanzieri da tutta Italia e non solo.

Come arrivare: potete decidere di raggiungere il Salento con la vostra macchina oppure volare verso l’Aeroporto Internazionale del Salento e, una volta atterrati, optare per un noleggio auto a Brindisi per dirigervi verso Lecce.

Road trip salentino

L’itinerario proposto dal Magazine del Viaggiatore parte da Lecce, la “capitale” del Salento, procede verso sud-ovest lungo la costa ionica, continua verso l’etremità meridionale della penisola salentina, per risalire infine il litorale adriatica verso nord-est.

Lecce

Il capoluogo salentino è uno dei centri più importanti del barocco italiano che qui nel Seicento ha avuto uno sviluppo del tutto particolare, a tal punto da essersi distinto in un stile autonomo, chiamato appunto barocco leccese. Sono numerosissimi i tesori archittettonici che regala il centro storico della “Firenze del Sud“, come il Palazzo dei Celestini, la Chiesa di Sant’Irene, la Basilica di Santa Croce, e la Cattedrale di Santa Maria Assunta.
Lecce

Fra la Basilica e il Duomo si trova la centralissima Piazza Sant’Oronzo, che ospita l’antico Anfiteatro Romano.

Non solo arte e cultura: Lecce presenta anche una vivacissima vita notturna, specie nella stagione estiva, con bar e i locali pieni di giovani che fanno festa fino alle prime ore del mattino. Le zone più “calde” sono le vie attorno a Piazzetta Santa Chiara, alla già citata Piazza Sant’Oronzo e la zona attorno alla Basilica di Santa Croce e nella via Umberto I.
Lecce Piazza_di_Sant’Oronzo

Verso ovest: la costa ionica

Partendo da Lecce verso la costa occidentale, la prima tappa d’obbligo del litorale ionico è Porto Cesareo. La località presenta ampie spiagge ed acque particolarmente basse, dov’è possibile camminare per centinaia di metri: un luogo ideale soprattuto per chi viaggia con bambini piccoli al seguito. Da non perdere inoltre la paradisiaca Isola dei Conigli che sorge di fronte a Porto Cesareo.
Porto Cesareo

Proseguendo lungo la costa s’incontra Gallipoli, incantevole località, celebre per la sua movida e il suo suggestivo litorale.
Gallipoli - shutterstock_373623526

Si arriva così nella zona dell’Ugento, conosciuta per le sue tre marine più famose: Torre San Giovanni, Torre Mozza, Lido Marini: il nostro consiglio è di visitarle tutte per un bagno rigenerante nelle loro limpide acque e tanto relax sotto l’ombrellone!

L’estremo sud: le Maldive del Salento

Pensate che a questo punto il Salento vi abbia già mostrato tutta la sua spiazzante bellezza? Allora non siete ancora arrivati nella parte più meridionale della costa salentina. Parliamo del litorale di Pescoluse e del tratto di costa che va da Torre Pali a Torre Vado: una volta arrivati in queste spiagge, capirete perchè quest’area è chiamata le Maldive del Salento!
Torre Pali, Apulia - shutterstock_423740260

Nella punta estrema della penisola salentina si trova invece Santa Maria di Leuca, famosa per le sue meravigliose ville ottocentesche e per le tante, incredibili grotte che circondano i suoi dintorni, conosciute come Grotte del Diavolo, Grotte del Levante e Grotte del Ponente.
S. Maria di Leuca

Risalendo il litorale adriatico

L’ultimo tratto del nostro percorso riguarda la costa orientale che si affaccia sul Mare Adriatico. Risalendo il litorale s’incontra l’antichissima e bellissima Otranto. Di origine greco-messipica, la città si sviluppa con le sue mure attorno alla fortezza locale. Impossibile non fermarsi ad ammirare la magnifica Cattedrale dell’Annunziata d’epoca normanna e il suo borgo, Patrimonio dell’Unesco e considerato tra i più belli d’Italia. Perdendosi fra i suoi vicoli non potrete esimervi dal visitare le sue tante botteghe di artigianato con prodotti di alta qualità.
Otranto

Non dimenticate di fare un salto nella celebre Baia dei Turchi, dove sbarcorono gli Ottomani che nel 1480 posero d’assedio la città: un luogo dal grande valore storico, che vi accoglierà con le sue acque turchesi, dopo avrete attraverso un sentiero immerso in una vegetazione rigogliosa.
Baia dei Turchi

A nord di Otranto, invece, si trovano i Laghi Alimini, due laghi artificiali collegati da un canale chiamato Lu Strittu e, proseguendo verso nord, deliziose località di mare con spiagge mozzafiato: San Foca, località di villeggiatura con un importante porto turistico caratterizzata da una costa rocciosa e fantastici fondali di sabbia; Torre dell’Orso, una grande spiaggia di finissima sabbia color argento, Torre Sant’Andrea e il Lido Buenaventura.
Sant'Andrea - shutterstock_368074517

Infine, sulla strada di ritorno verso Lecce, prima di concludere il vostro road trip salentino, non perdetevi  la cava di bauxite vicino alla Baia delle Orte. Dismessa negli anni 70, la cava è un soggetto meraviglioso per gli amanti della fotografia: incredibili colori e contrasti cromatici, dal verde delle acque del laghetto al color ruggine intenso della cava.
cava

Foto: Sergio SpoltiCucombreLibre, Hydruntum, Pietro & Silvia, Patrick Nouhailler, Freddyballo, Francesca Cappa, larrylurex / Wikimedia Flickr cc.

Lascia un commento