Il Magazine del viaggiatore icon
Il Magazine del viaggiatore
  •   2 minuti di lettura

L’etichetta non è – purtroppo – un concetto comune a tutti, specie quando si viaggia. Buone maniere, decoro, educazione, etichetta, galateo… non c’è nome che tenga: in treno quanto in aereo, in Italia quanto all’estero, è bene apprendere alcune sane abitudini. Quali? Scopriamole insieme.


Treni, Autobus, Metro

  • Hai mai notato la dicitura: “Lasciare scendere prima di salire”? Bene, sarebbe il caso di metterla in pratica.
  • Evitare di poggiare i propri piedi sui sedili.
  • Non occupare i sedili per poggiarvi i bagagli: per quelli ci sono gli spazi appositi.
  • Lascia che si sieda chi ne ha più bisogno: anziani e donne in gravidanza hanno la priorità assoluta.
  • Metropolitana affollata? Attendi il prossimo mezzo: inutile spingere se all’interno c’è meno spazio che in una scatola di sardine.
  • Starnuto improvviso? Salute! Convenevoli a parte, pulisci le mani con un fazzoletto, prima di afferrare la sbarra.
  • Conversazione in atto? Dal vivo quanto al telefono, più discreta è, meglio è.
  • Zainetto al seguito? Meglio ai piedi, che alle spalle: eviterai di urtare (in tutti i sensi) il tuo vicino di viaggio.

Aereo

  • Amante dei profumi? Non esagerare.
  • Ripassa le normative di sicurezza: sì, esiste una benché minima probabilità che ti torneranno utili. Meglio non farsi trovare impreparati.
  • Messaggio per i bambini di ogni età: i calci al sedile anteriore non possono essere interpretati come un segno d’affetto.
  • La correttezza con il personale di bordo è alla base del tuo viaggio in aereo.
  • Bebè al seguito? Cura le sue necessità primarie: del resto sta a te mantenere la pace a bordo, evitando pianti e schiamazzi.
  • Pasto in vista? Fatti trovare al suo posto.
  • Regola il volume dell’ultimo film di Robert De Niro o del concerto di Woodstock a livelli accettabili: ciò che per le tue orecchie è sublime, per gli altri è soltanto un perpetuo gracchiare.
  • Le 10 più irritanti abitudini dei passeggeri.

Ristorante

  • Resta discreto sulle tue abitudini alimentari. Evita richieste fuori luogo, quali un piatto a base di carne di maiale in un paese musulmano o una pizza nel bel mezzo del Sahara!
  • Razzola il piatto per benino. Ovviamente, nei limiti del possibile.
  • A tutti quelli che credono alla favola del “portare gli avanzi a casa è maleducato”, noi diciamo: non lo è ancor più gettarli?
  • Evita di telefonare mentre sei a tavola.
  • Viaggio in Cina? Impariamo le buone maniere a tavola.

Rispetto per la cultura locale

  • Impara una dozzina di parole d’uso comune, specie del linguaggio cortese, del paese che ti appresti a visitare.
  • Ogni paese ha la sua etichetta: in Thailandia, così come in altri paesi asiatici, toccare la testa di qualcuno è fuori luogo almeno quanto sputare per strada in Italia.
  • Restare discreti in ogni circostanza è buona regola nella maggior parte dei paesi.
  • Chiedere il permesso prima di scattare una foto a qualcuno.
  • Evitare l’utilizzo del flash durante la visita al museo, l’opera teatrale, la competizione sportiva.
  • Invita qualcuno a casa tua non soltanto per dimostrare la tua simpatia: nel caso che l’invitato accetti, è bene farsi trovare disponibili.

Le regole in viaggio sono tante e non dettate appena dal galateo, ma anche (e soprattutto) dal buon senso comune. Ne conosci qualcun’altra? Condividi consigli ed impressioni con la comunità di viaggiatori di liligo.com!

Foto: buone maniere nella metropolitana di Tokyo. cc Flickr bagelmouse

Trova su Liligo i migliori voli per il tuo prossimo viaggio!


5 responses to “Galateo in viaggio

  1. Perfettamente d'accordo.
    Del resto, la buona educazione si vede anche nelle piccole cose. Certo, si tratta di un “optional” per molti, anche quando dovrebbe far parte delle dotazioni “di serie”. 😀
    Grazie di essere passato, buona giornata!

  2. Io direi che questi consigli sono da tenere in considerazione anche se non si viaggia. Soprattutto quelli che riguardano i mezzi pubblici e il ristorante 😀 non puoi chiedere un piatto tipico di un posto senza l'ingrediente principale solo perchè non ti piace 😀

  3. Io direi che questi consigli sono da tenere in considerazione anche se non si viaggia. Soprattutto quelli che riguardano i mezzi pubblici e il ristorante 😀 non puoi chiedere un piatto tipico di un posto senza l'ingrediente principale solo perchè non ti piace 😀

  4. Io direi che questi consigli sono da tenere in considerazione anche se non si viaggia. Soprattutto quelli che riguardano i mezzi pubblici e il ristorante 😀 non puoi chiedere un piatto tipico di un posto senza l'ingrediente principale solo perchè non ti piace 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

footer logo
Fatto con per te