Il Magazine del viaggiatore icon
Il Magazine del viaggiatore
  •   5 minuti di lettura

Dalle leggendarie peripezie di Ulisse celebrate da Omero nell’Odissea al Milione di Marco Polo, i libri di viaggio sono un genere letterario antico quanto la storia dell’umanità. Ma se in passato a raccontare e a scrivere di viaggi veri o leggendari erano poeti, esploratori e avventurieri, oggi gli autori più popolari di racconti di viaggi e guide sono i travel blogger dei nostri giorni: viaggiatori che parlano ad altri viaggiatori delle loro esperienze e forniscono informazioni, suggestioni e spunti utili su destinazioni più famose o meno note in giro per il mondo. Il Magazine del Viaggiatore ha selezionato alcuni dei migliori e più recenti libri di viaggi e ha intervistato i loro autori.

Francesco Grandis: Sulla strada giusta

Fino al 2009 Francesco Grandis era un ingegnere elettronico con un buon lavoro, stabile e sicuro, nella robotica industriale; poi la svolta nella sua vita: un giro per il mondo di sei mesi che diventa una irripetibile esperienza  e lo spinge ad abbandonare il suo lavoro, per dedicarsi ai viaggi e alla scrittura, fondando nel 2013 il blog Wandering Wil e pubblicando nel 2015 il suo libro di esordio Sulla strada giusta.

Come ci racconta il suo autore, il senso profondo di questo libro è incoraggiare e spiegare ai tanti che nella vita si sono trovati ad un bivio come il suo che sì, è possibile fare una vita fuori dagli schemi tradizionali per cercare altro lì fuori:

In quanti si sono chiesti se non ci fosse qualcos’altro, oltre il tradizionale schema del “studia, lavora, metti via i soldi e vai in pensione”? Quanti hanno desiderato mollare un lavoro opprimente, in cerca di qualcosa di cui non conoscevano nemmeno il nome? A queste persone “Sulla strada giusta” lascia un messaggio: sì, c’è altro lì fuori, e no, non sei solo, non sei sbagliato, non c’è niente che non vada in te. Ci sono tante strade che puoi scegliere, alcune facili, altre più difficili, frequentate o solitarie, ma ce n’è una sola giusta per te: io ho alzato il culo e sono andato a cercare la mia. Tu cosa pensi di fare?


 

Angelo Zinna – Un altro bicchiere di arak

Un altro bicchiere di arak racconta gli ultimi quattro mesi di un viaggio che nelle intenzioni di Angelo Zinna, travel blogger di Exploremore, doveva durare sei mesi, e che in realtà si è concluso soltanto dopo oltre cinque anni spesi in oltre 20 Paesi asiatici: il libro ripercorre l’itinerario intrapreso attraverso Cina, Kirghizistan, Uzbekistan per raggiungere l’Iran, ultima tappa prima del rientro in Italia, e il soggiorno dell’autore nell’antica Persia, Paese che per certi versi rimane misterioso a noi occidentali, ma dall’indiscutibile  fascino. Zinna aveva già scritto delle sue esperienze di viaggio attraverso racconti sul suo blog, ma cercava una storia che lo ispirasse per scrivere un libro più esteso ed è stata infine l’esperienza vissuta lungo la mitica Via della Seta a fargli capire che finalmente quella storia l’aveva trovata:

Avevo sempre desiderato di concentrarmi su un progetto di scrittura più esteso dei tanti racconti pubblicati durante il mio percorso, ma mancava una storia. Credo che un libro non si possa forzare, così ho aspettato. Alla fine la storia ha trovato me: percorrendo la Via della Seta mi sono trovato di fronte ad una serie di realtà che oltre a cambiare il mio modo di vedere il viaggio, credevo valesse la pena condividere.

Simonetta Di Zanutto: Bratislava e dintorni

Chi meglio di una viaggiatrice proveniente da una delle grandi regioni di confine italiane, il Friuli, poteva introdurre i viaggiatori italiani a quel mosaico multietnico e ricco di fascino che è l’Europa centrale? E’ il caso di Simonetta Di Zanutto, blogger di Ritagli di Viaggio, autrice di Bratislava e dintorni, un’utile ed orginale guida sulla capitale della Slovacchia che, come ci racconta la sua autrice, è scritta per quei viaggiatori più curiosi, che non si accontentano di vedere le solite 10 cose ma vogliono provare a scoprire l’identità multiforme della capitale slovacca, coglierne l’atmosfera, comprenderne le sfaccettature, l’evoluzione storica e culturale, assaggiarne la sua gastronomia, visitarne i luoghi meno turistici”.

Bratislava e dintorni fa seguito alla guida Sofia e dintorni pubblicata 2 anni fa, mentre da poche settimane è disponible Bosnia-Erzegovina. Viaggio on the road nel cuore dei Balcani, libro che riassume i 5 viaggi effettuati da Di Zanutto nel suggestivo Paese balcanico.

Andrea Petroni: Professione travel blogger

Ami viaggiare e il tuo sogno è trasformare questa passione in un lavoro? Sembra un’utopia, ma Andrea Petroni, travel blogger di VoloGratis.org, dimostra con il suo libro Professione Travel Blogger. Trasforma la tua passione per i viaggi in un lavoro che è possibile realizzare questo sogno in realtà. E’ lo stesso Petroni a descriverci la struttura del libro:

C’è un capitolo iniziale in cui racconto la mia vita, e soprattutto come ho fatto a trasformare questa mia passione in un vero e proprio lavoro dopo un licenziamento dall’istituto finanziario presso cui lavoravo da oltre 11 anni – e poi diventa un vero e proprio manuale dalla A alla Z su come aprire e gestire un blog, su come lavorare al meglio sui social network, e su come guadagnare con un blog di viaggi”.
Perchè, come ricorda Petroni,basta solo crederci fino in fondo e lavorare sodo”. Parole che sottoscriviamo in pieno.

Claudio Pelizzeni: L’orizzonte ogni giorno un po’ più in là

Un viaggio senza aerei lungo mille giorni, attraverso cinque continenti e quarantaquattro Paesi, “per il gusto stesso del viaggio, degli imprevisti, delle scoperte e delle sorprese, delle correnti dell’universo a cui abbandonarsi“. E’ questo il filo conduttore di L’orizzonte ogni giorno un po’ più in là, il libro di Claudio Pelizzeni, blogger di Trip Therapy; un libro che segue un piano temporale non lineare che include flashback e flash-forward. E’ lo stesso autore, contattato da Il Magazine del Viaggiatore ha spiegarci la struttura originale e il senso intimo del suo lavoro:

Il mio è un vero e proprio romanzo in chiave autobiografica dove ho voluto raccontare gli episodi maggiormente significativi. Quelle piccole storie che trovano un senso solo voltandosi indietro e unendo i cosiddetti “puntini”. Il libro è un racconto sincero di tutte le conoscenze fatte sulla strada, delle emozioni provate, degli alti e bassi che ho vissuto e il lettore entra in qualche modo nel mio zaino, viaggiando egli stesso attraverso le righe, pagina dopo pagina.

Una filosofia di viaggio che Pellizeni intende riproporre anche per il suo prossimo progetto editoriale, questa volta un diario sul pellegrinaggio di Santiago di Compostela, un viaggio spirituale che comincerà dalla sua terra di orgine, l’Alta Val Trebbia, nell’Emilia profonda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

footer logo
Fatto con per te
@media screen and (max-width: 800px) {.widget.text-18.widget_text.col-sm-3.col-xs-6, .widget.text-15.widget_text.col-sm-2.col-xs-6 {width: 100%;}}