Il Magazine del viaggiatore icon
Il Magazine del viaggiatore
  •   3 minuti di lettura

Un gruppo di isole vulcaniche, raccolte in un semicerchio nel bel mezzo dell’Oceano Atlantico, un paradiso che risponde al nome di Capo Verde. Un patrimonio naturale di indubbia bellezza, un arcipelago che fa sfoggio di spiagge incontaminate, paesaggi esotici, alti picchi e verdi vallate. Cosa vuoi di più?

Una destinazione che attrae per le sue bellezze naturali, certo, senza però dimenticare il fascino coloniale di Praia e Mindelo, che vive nei suoi colori accesi, centri in cui ancora oggi è possibile ammirare il volto più veritiero del paese. I tour operator ne hanno fatto, nel tempo, una meta ambita tra i viaggiatori: il turismo di massa, per fortuna, non si è ancora impossessato di questo angolo di paradiso.

Capo Verde

Capo Verde in pillole

Parte del continente africano, Capo Verde si estende non distante dalla costa del Senegal: l’arcipelago è formato da 10 piccole isole, che vanno ad aggiungersi alle 5 maggiori. Tra le isole di Barlovento, si dispiegano man mano all’orizzonte Santo Antão, São Vicente,Santa Luzia, São Nicolau, Sal e Boa Vista; ci sono poi quelle di Sotavento, come Maio, Santiago, Fogo e Brava. Lingua ufficiale del paese è il Portoghese: l’arcipelago fu scoperto infatti per mano portoghese durante il XV secolo e in principio adoperato per la tratta degli schiavi. Il risultato odierno è un interessante miscuglio di etnie e culture.

Capo Verde

Sole, mare e clima ameno

Spiagge dorate, acque cristalline e una temperatura amena a richiamare l’attenzione dei viaggiatori: 25°C tutto l’anno, scarse precipitazioni e la certezza di un clima caldo, ma non troppo. I fondali marini fanno poi la felicità degli amanti del diving, dello snorkeling e della pesca d’altura. Chi sceglie Capo Verde per le proprie vacanze ha la possibilità di scoprire un arcipelago che nasconde all’interno di ogni isola di cui è composto, un microcosmo fatto di cultura e panorami mozzafiato.

Capo Verde

Giunti a destinazione

Il turismo gioca un ruolo chiave nell’economia del paese, d’altro canto ciò che rende unico questo paese è la possibilità di concedersi ancora oggi, nel 2012, un’esperienza autentica, lontano dalle masse. L’equilibrio che ne scaturisce è la ricetta segreta del suo successo. Alberghi per le famiglie, resort e hotel per ogni tasca: ad ognuno il suo. Che tipo di vacanziere sei?

  • Parola d’ordine: relax. Se questo è ciò che cerchi dalle tue vacanze, la destinazione giusta è l’isola di Sal, dove abbondano i resort all inclusive e la parola d’ordine è tranquillità.
  • Avventuriero. Provetti Indiana Jones del nuovo millennio? l’isola di Boavista o, in alternativa, Santiago, donano un tocco rustico ed un pizzico d’imprevisto al tuo viaggio.
  • Esploratore. A caccia di un’esperienza diversa da tutte le altre? Le isole minori sono anche quelle meno raggiunte dalla pesante macchina turistica. Entra in contatto con la gente del posto per scoprire il lato più autentico del paese.

A chiudere il cerchio ci pensa l’offerta gastronomica, che è un interessante mix di esotico ed europeo. Gli standard sanitari del paese sono più che accettabili. Se stai organizzando LA vacanza, Capo Verde è la meta giusta.

…e poi musica, come quella di Cesaria Evora, ambasciatore di Capo Verde nel mondo, con le sue melodie tanto apprezzate dalle nostre parti.

Offerte voli Capo Verde

Mai stato a Capo Verde?

Foto: antifluor / Flickr cc.

Trova su Liligo i migliori voli per il tuo prossimo viaggio!


7 responses to “Capo Verde: un paradiso da scoprire

  1. Verissimo, i Riu sono degli spagnoli, ma tutti gli appartamenti in affitto e i residence sono degli italiani, così come una quantità di negozi 🙂
    Idem per Sal, italia impera!!!! Isola completamente rovinata.

  2. Anch’io, come Luisa e Claudio, vivo a Capo Verde, ed essendo mi pare l’unica di Boa Vista sento di dover puntualizzare alcune informazioni. A Boa Vista l’isola è in mano agli spagnoli. Gestiscono i due enormi hotel della Riu (è vero, Claudio, i voli sono carissimi, ma i pacchetti no) e la compagnia che fornisce (o dovrebbe fornire..) acqua e luce a tutti gli abitanti. Concludendo, qui il turismo di massa impera e Boa Vista non ha niente a che vedere con il paradiso che era fino a pochi anni fa…. Con questo non voglio dire che non esista ancora la possibilità di godere di ciò che rimane di incontaminato e non sconsiglio assolutamente una vacanza qui da noi!

    1. Ciao Francesca, grazie di essere passata!

      Che bello leggere di così tanti lettori che vivono a Capo Verde: mi auguro che i nostri lettori prendano spunto dai vostri consigli per organizzare il miglior viaggio possibile alla scoperta di questo straordinario paese!

      Buona giornata, continua a seguirci e a darci tue notizie! 🙂

  3. Anche io come Luisa Pini vivo a Capo Verde, non sono molto d’accordo sulle sue considerazioni, in primis non credo che a capo Verde ci sia il turismo di massa … visti i prezzi dei voli. Seconda cosa, magari il turismo fosse in mano agli italiani …. a Sal ci sono due strutture per gli italiani e a Boa Vista una sola. il resto è tutto in mano agli inglesi !!! Concordo con Luisa sul fatto che è un angolo di mondo da conoscere e se si ha il coraggio è il posto ideale dove vivere…. venite a trovarci !!!

  4. Io a Capo Verde ci vivo da anni ed è sicuramente un angolo di mondo da conoscere e vale la pena farci un viaggio.
    Purtroppo, non è vero che il turismo di massa non si è ancora appoderato di queste isole. Soprattutto Santiago, Sal, Sao Vicente e ultimamente Boavista, sono state prese d’assalto. Il turismo è in mano agli italiani che hanno fatto scempio di isole come Sal. Ora Boavista, che era un’incontaminata distesa di dune di sabbia bianca, conta una quantità di alberghi e villaggi turistici e non esiste più il contatto con i nativi che sono stati relegati a qualche piccolo villaggio nell’interno oppure hanno dovuto emigrare a causa dell’aumento vertiginoso dei prezzi.
    Grazie agli scarsi collegamenti aerei e via mare, si salvano ancora isole come SNicolau, S.Antao e Brava; su queste isole si respira ancora l’atmosfera autentica di Capo Verde e sono adatte solo ad un turismo responsabile e non organizzato. Se siete viaggiatori e non semplicemente turisti, fate un salto qui e non ve ne pentirete!! 🙂

    1. Ciao Luisa, grazie di essere passata!

      Purtroppo ciò che dici è vero: il turismo di massa, prima o poi, arriva ovunque.
      Eppure Capo Verde difende ancora oggi coi denti la sua identità e alcuni angoli di questo straordinario paese offrono ancora oggi la possibilità di godersi un’esperienza di viaggio autentica.

      Consigliamo a tutti quelli che vogliono vivere un’esperienza diversa ed entusiasmante di fare di Capo Verde la prossima meta di viaggio!

      Grazie ancora di essere passata, speriamo di leggere tue notizie in futuro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

footer logo
Fatto con per te