660

Top 10: i villaggi più belli del mondo

Stanchi di visitare le grandi città? Alla ricerca di destinazioni fuori dal comune? Ecco la classifica dei villaggi più belli, originali e suggestivi in giro per il mondo, secondo il Magazine del Viaggiatore.

Famosi o poco conosciuti, antichi o moderni, ma sicuramente tutti molto suggestivi: il Magazine del Viaggiatore ha selezionato per voi i villaggi più belli ed affascinanti al mondo. Scoprite quali sono in questa speciale classifica!

10. Hoi An (Vietnam)

Si dice che in questo villaggio vietnamita ci siano più lanterne che abitanti. Se a questa particolarità aggiungete la ricca storia e cultura del luogo e la sua atmosfera estremamente tranquilla e rilassante, capirete perché abbiamo avuto inserire questo villlaggio del Sud-Est asiatico nella nostra classifica.

Hoi An
Hoi An

9. Qaqortoq (Groenlandia)

Avete sempre amato i mattoncini Lego fin da quando eravate bambini? Bene allora non dovete far altro che volare a Qaqortoq, una piccola città situata a sud della Groenlandia che, a guardare le foto, appare come un villaggio della Lego a grandezza naturale.

Qaqortoq
Qaqortoq

8. Shirakawa-go (Giappone)

Patrimonio dell’Unesco dal 1995, questo incantevole villaggio storico, situato sull’isola giapponese di Honshū è caratterizzato dalle case costruite nello stile gasshō-zukuri, cioé abitazioni caratterizzate da tetti in paglia a forma fortemente spiovente che ricordano due mani giunte in preghiera. Grazie alla paglia e alla forma del tetto queste case sono in grado di resistere alle forti nevicate che caraterizzano la stagione invernale in questa regione.

Shirakawa-go
Shirakawa-go

7. Bibury (Inghilterra)

Definito dallo scrittore William Morris “il più bel villaggio dell’Inghilterra”, Bibury è famosa per la sua Arlington Row, una via costeggiata da antichi cottage in pietra, risalenti al XIV° secolo.

Bibury
Bibury

6. Júzcar (Spagna)

Come la maggior parte dei centri andalusi anche questo minuscolo villaggio di 220 anime presentava tutte le case dipinte di bianco, per proteggere meglio l’interno degli abitati dal calore delle estati andaluse. Nel 2012, però, i produttori della del film della Sony sui Puffi hanno convinto i residenti a ridipingere l’intero paese (chiesa compresa) di azzurro. Gli abitanti hanno accettato la proposta e il paese è stato la location dell’anteprima del film e da allora ha registrato un boom di visite turistiche.

Júzcar
Júzcar

5. Alberobello (Italia)

Altro villaggio del Bel Paese nella nostra speciale selezione. Si tratta di Alberobello, piccolo comune della provinca di Bari, dichiarato nel 1996 patrimonio dell’umanità dall’Unesco, in virtù dei suoi caratteristici trulli: un centinaio di case bianche a forma conica, costruite con pietra a secco. Queste particolari costruzioni si trovano sulla cime di una collina circondata da splendidi uliveti.

Alberobello
Alberobello

4. Monsanto (Portogallo)

L’origine di questa frazione del comune portoghese di Idanha-a-Nova risale addirittura all’era paleolitica. Monsanto è costruito sopra, intorno e tra giganteschi massi ricoperti di muschio. Un villaggio veramente unico nel suo genere.

Monsanto
Monsanto

3. Giethoorn (Paesi Bassi)

E’ vero, non è difficile trovare nei Paesi Bassi centri abitati attraversati da canali, ma questo incantevole villaggio olandese supera ogni immaginazione. A Giethoorn, infatti, non esistono strade e la rete viaria è costituita da una rete di canali che creano piccole isole private per ogni casa del villaggio.

Giethoorn
Giethoorn

2. Colmar (Francia)

La piccola cittadina alsaziana sembra uscita da un racconto di fiabe: case color pastello sulle strade di ciotoli e piccole barche ormeggiate nei suggestivi canali della Petite Venise (la “Piccola Venezia” all’interno di Colmar). Insomma soltanto la mancanza di maghi e fate la rende diversa dalla scenografia di un film della Disney.

Colmar
Colmar

1. Burano (Italia)

Questa isola (in realtà un arcipelago di 4 piccole isole) della laguna veneziana è conosciuta nel mondo per le sue coloratissime case. A Burano i colori sono una cosa piuttosto seria: i residenti che vogliono dipingere la propria casa devono chiedere una particolare autorizzazione alle autorità locali, che inviano una lista con i colori utilizzabili. Chi usa i colori non autorizzati rischia di essere perseguito penalmente!

Burano
Burano
Foto: pueblo pitufo / Wikimedia cc.

Lascia un commento