Il Magazine del viaggiatore icon
Il Magazine del viaggiatore
  •   3 minuti di lettura

Il prosimmo anno ricorrerà il 50esimo anniversario del leggendario tour amercano dei Fab Four. Liligo.com ripercorre le tappe di quel tour, proponendovi un viaggio suggestivo nella storia della musica.

Quella del febbraio 1964 fu la prima delle tournée che i quattro ragazzi di Liverpool compirono negli States e sancì la loro consacrazione a livello internazionale: mai prima di allora un gruppo straniero aveva conquistato in questo modo il pubblico e il mercato discografico americano e quell’evento segnò l’inizio della beatlesmania a livello planetario.

Prima tappa: New York

Per cominciare questo viaggio nel tempo e nella musica la prima cosa da fare è prendere un volo per New York. Quando i quattro ragazzi di Liverpool atterrarono all’aeroperto J. F. Kennedy, furono accolti da centianaia di fotografi e diecimila fans in delirio.

Dall’aeroporto puntate dritto verso il Carnegie Hall, sede di una delle esibizione dei Fab Four  nella Grande Mela e poi recatevi all’ Ed Sullivan Theatre dove ebbe luogo la prima, celebre, apparizione televisiva: all’epoca lo show venne seguito da 73 milioni di persone – circa 2/3 della popolazione statunitense di allora- e ancora oggi conserva il primato di spettatori nella storia dei programmi televisivi americani.

Durante lo show il numero di crimini nella Grande Mela fu vicino allo zero e ciò spinse George Harrison ad affermare: “Persino i criminali si sono presi dieci minuti di pausa in occasione dello show dei Beatles.”

Il concerto dei Beatles del febbraio 1964 fu seguito in televisione da ben 73 milioni di spettatori

Oggi l’Ed Sullivan Theatre ospita il popolare programma televisivo David Letterman Show. Se volete cogliere l’occasione per parteciparvi in veste di pubblico, ricordatevi di prenotare i biglietti almeno sei mesi prima, attraverso il sito del canale televisivo Cbs.

L’ Ed Sullivan Theater dove i Beatles fecero la loro storica apparizione televisiva

Una tappa d’obbiligo del giro beatlesiano per New York è senz’altro Strawberry Fields Memorial, un’area di 10.000 mq che si trova a Central Park, dedicata alla memoria di John Lennon e luogo di pellegrinaggio per  milioni di fan che giungono ogni anno da tutto il mondo per rendere omaggio al famoso cantante. L’accesso si trova nell’Upper West Side, lungo la Central Park West, a pochi passi dall’ingresso dall’albergo dove, l’8 dicembre del 1980, Lennon venne assassinato da uno squilibrato.

Il celebre mosaico con la scritta “Imagine” nell’area di Central Park dedicata a John Lennon

Seconda tappa: Washingotn D.C.

Nella capitale federale, presso il palasport Washington Coliseum, ebbe luogo il primo concerto dei Beatles in terra americana, davanti a 8.000 fan in preda a una vera e propria isteria collettiva. Se decidete di prendere un volo per Washington non mancate di visitare i tanti luoghi d’interesse che offre la città: la Casa Bianca, l’immenso parco cittadino di National Mall dove si trovano i cimiteri dei caduti americani nelle varie guerre, la National Gallery of Art e U Street, la zona dei teatri conosciuta come la “Broadway nera di Washington”.

Ultima tappa: Miami

Nella città della Florida, presso il Napoleon Ballroom del Deauville Hotel di Miami Beach, i Beatles conclusero il loro storico tour con una seconda esibizione per l’ Ed Sullivan Show e anche in questo caso si trattò di un successo senza precedenti, con ben 70 milioni di spettatori incollati alla televisione. Città tra le più amate dagli americani e dai turisti di tutto il mondo per il suo clima e le sue splendide spiagge, Miami è sede tutto l’anno di importanti festival musicali di ogni genere.

Secondo voi, qual è il più grande gruppo musicale di tutti i tempi?

Foto: Rob Young, Lara Mercer Photography / Flickr cc.

Trova su Liligo i migliori voli per il tuo prossimo viaggio!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

footer logo
Fatto con per te