Il Magazine del viaggiatore icon
Il Magazine del viaggiatore
  •   2 minuti di lettura

Amante degli squali? Amante delle immersioni? Amante della fotografia? Ecco la nuova trovata tutta british, rivolta a chiunque soddisfi almeno uno dei tre requisiti richiesti: ci spostiamo sulla costa occidentale dell’isola britannica a caccia di scatti adrenalinici. Queste acque sono abitate da innocui giganti marini, che si nutrono per lo più di plancton, per uno spettacolo sicuro e suggestivo.


Le campagne d’informazione si susseguono rapide: i bagnanti possono stare tranquilli, lo squalo elefante non rappresenta una minaccia per la balneazione. Il secondo maggior abitante del mare (raggiunge fino ai 7 metri di lunghezza) si nutre principalmente di plancton, eppure la sua vista potrebbe impressionare…

Si pensi che la sola pinna dorsale di questi giganti marini può raggiungere il metro e mezzo di lunghezza. Eppure questi mastodontici abitanti degli abissi sono innocui, un elemento che ne fa il soggetto giusto per scatti impressionanti, in tutta sicurezza.

Nuotando tra gli squali

La presenza di questa specie marina, protetta dalla legislazione europea, favorisce nuovi spunti turistici: il governo locale incoraggia i bagnanti a munirsi di fotocamere subacquee. In questo modo è possibile dar vita a scatti memorabili, certo, ma si allarga oltretutto il target turistico a nuovi potenziali viaggiatori.

Vuoi ammirare gli squali elefante?

Questa specie marina è attratta dalle acque del Regno Unito con l’approssimarsi della bella stagione, per l’accumularsi di grosse quantità di plancton, di cui si nutrono. I luoghi migliori per ammirarli in tutto il loro splendore si concentrano nel Sud-Ovest dell’Inghilterra, attorno all’Isola di Man, a Sud-Ovest dell’Irlanda e dalla Firth of Clyde.

View larger map

Alcuni consigli per l’osservazione di questi squali

Si tratta di una specie protetta, ragion per cui c’è da rispettare alcune linee guida , per minimizzare l’impatto negativo sull’ambiente. Qui trovi alcuni suggerimenti:

  • Mantenere una distanza minima di 4 metri dall’animale.
  • Se ti immergi in gruppo, meglio restare uniti. L’obiettivo è non spaventare l’animale: meglio dunque di invitare altri componenti del gruppo ad immergersi.
  • Se ti trovi su un’imbarcazione, spegni il motore e goditi lo spettacolo.
  • Se hai al seguito una fotocamera subacquea, meglio concentrarsi sulle principali caratteristiche distintive dell’animale, quale la pinna dorsale. Del resto il soggetto da fotografare è davvero grande: difficile che ci stia per intero in una singola foto.
  • Allontanati lentamente dallo squalo prima di fotografarlo.
  • Se avvisti uno squalo elefante, informa lo Shark Trust tempestivamente.

Si tratta di animali inoffensivi, vero, ma sono comunque enormi: forti di una stazza da 1 tonnellata, un movimento repentino potrebbe causare danni collaterali ingenti. Mantieni la distanza di sicurezza e goditi uno spettacolo che ricorderai a lungo.

Offerte voli Regno Unito

Amante delle immersioni e della fotografia? Hai mai avvistato uno squalo elefante?

Foto: masseea, candiche / Flickr cc.

Trova su Liligo i migliori voli per il tuo prossimo viaggio!


2 responses to “Una nuotatina e qualche scatto tra gli squali

  1. Deve essere senza dubbio un’ esperienza adrenalinica, adoro il mare e gli animali e l’idea di essere così a contatto con una specie così particolare è elettrizzante.

    1. Cia Daniele, grazie di essere passato!

      Adrenalina, voglia di misurarsi con sé stessi e di emozioni forti: per scattare qualche foto agli squali, questo è tutto ciò di cui hai bisogno!

      Noi non stiamo nella pelle, vorremmo provarlo al più presto: tu?

      Grazie ancora di essere passato, buona giornata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

footer logo
Fatto con per te