Il Magazine del viaggiatore icon
Il Magazine del viaggiatore
  •   2 minuti di lettura

Ricordi la notizia di qualche giorno fa, secondo cui una donna avrebbe pagato il doppio dell’importo poiché obesa? Ebbene, stando alle ultime dichiarazioni ufficiali di Ryanair, si tratterebbe di un fatto mai accaduto.


I fatti al 29/09/11

Stando alle ricostruzioni di qualche giorno fa, una passeggera italiana, sul suo volo diretto a Roma, di ritorno da Parigi, sarebbe stata costretta a pagare l’importo corrispondente ad un secondo titolo di viaggio, poiché in sovrappeso. Questo quanto si era appreso dalle parole del legale della donna, tale avvocato Cesare Galloni, che aveva promesso battaglia alla compagnia irlandese a basso costo, chiedendo i danni morali per la sua assistita.

La smentita di Ryanair

in cabina

A leggere la notizia, sorgono però i primi dubbi: si ignora, ad esempio, il vero nome della passeggera (alcune fonti dicono Rina Cantona, altre Rita Castiglione o ancora Rita Calzone) e puntuale, dopo pochi giorni, arriva la smentita ufficiale dai vertici di Ryanair.

Ryanair non ha alcuna traccia di tale incidente o di tale passeggera. Ryanair, inoltre, non chiede ai passeggeri in sovrappeso di acquistare posti extra.

Questo è quanto emerge da una nota ufficiale della compagnia aerea irlandese, che punta il dito contro l’avvocato italiano, affermando che sue le dichiarazioni sono mendaci.

Verità o fantasia, si tratta di una storia che continuerà a far discutere: si attende ora una replica dell’avvocato Cesare Galloni in merito ad una vicenda, che appare a questo punto piuttosto confusa.

Si attendono aggiornamenti.

Foto: jon gos, Andres Rueda / Flickr cc.

Trova su Liligo i migliori voli per il tuo prossimo viaggio!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

footer logo
Fatto con per te