Il Magazine del viaggiatore icon
Il Magazine del viaggiatore
  •   6 minuti di lettura

La guida del Magazine del Viaggiatore per sapere cosa visitare in auto a Pescara e nella sua provincia, una destinazione ricca di fascino, storia e bellezze naturali, ma ancora poco battuta dal turismo di massa.

Quando si parla dei posti più interessanti da visitare in Italia, ce ne sono alcuni che non vengono citati nemmeno dai nostri connazionali. Pescara e la sua provincia rientrano sicuramente in questo gruppo.

La città abruzzese riserva più di una sorpresa, sia dal punto di vista culturale che da quello paesaggistico. Nei suoi dintorni inoltre, sono presenti alcuni dei borghi più suggestivi del Bel Paese e una varietà di panorami che riescono ad accontentare i gusti di qualsiasi viaggiatore.

Vi proponiamo di seguito un itinerario con il meglio che Pescara e provincia possono offrire. Tanti spunti interessanti che non avreste mai pensato poter essere così vicini e interessanti.

Arrivare a Pescara

Ci sono voli economici per Pescara da molte città italiane. Se provenite dal Nord, potete scegliere tra Orio al Serio e Torino. Se invece arrivate dalle isole, ci sono collegamenti senza alcun scalo da Cagliari, Palermo e Catania. In alternativa potete anche considerare l’opzione di raggiungere la città in treno. La stazione principale si trova infatti in zona centrale ed è molto comoda nel caso abbiate prenotato una stanza o un appartamento in una delle vie principali.

Qualunque sia la vostra scelta, il noleggio di un’auto a Pescara è semplice ed è possibile farlo sia all’aeroporto che alla stazione, il tutto in maniera facile e senza problemi. Un inizio ideale per cominciare a esplorare la città e le zone limitrofe.

La città

Prima di iniziare il nostro tour, è il caso però di dare una possibilità al cuore di Pescara, dove sono presenti alcuni luoghi di attrazione che non potete mancare. Il centro, la cosiddetta Pescara Vecchia, è il posto ideale per fare una passeggiata e iniziare a immergersi nell’atmosfera della città. Partendo da Piazza Unione è facile arrivare a Corso Gabriele Manthone in cui è possibile trovare le case dove sono nate due figure importanti della cultura italiana: Gabriele D’Annunzio (la cui abitazione è oggi un museo visitabile) ed Ennio Flaiano.

Busto di D'Annunzio
Busto di D’Annunzio

Proseguendo per questa strada vi imbatterete nella Cattedrale di San Cetteo, dedicata al santo patrono della città, un bellissimo edificio in stile romanico abruzzese costruito negli anni Trenta. Vi è sepolta la madre di D’Annunzio e il poeta stesso contribuì economicamente alla sua realizzazione.

A ogni modo, se volete davvero visitare un luogo dove si senta forte la presenza del Vate, vi conviene muovermi in direzione sud-ovest verso la Pineta d’Avalos (una passeggiata di poco più di mezz’ora se andate a piedi, non più di dieci minuti se invece preferite prendere l’auto). Questo parco è una riserva natuarale con flora tipica della macchia mediterranea, ma era anche un luogo caro a D’Annunzio. Fu qui che trovò l’ispirazione per “La pioggia nel pineto“, uno dei suoi componimenti più famosi.

Il parco si trova non lontano dal mare. È quindi il punto ideale per muovervi verso nord e godervi il lungomare con i suoi ristoranti e i suoi bar. Qui potete trovare anche i caratteristici trabocchi, delle particolari macchine per la pesca con strutture che affondano nell’acqua come palafitte. Alcuni di questi sono stati riconvertiti in locali molto particolari.

Continuando verso nord, non potete non notare il Ponte del Mare che con i suoi 466 metri di lunghezza rappresenta il più lungo ponte ciclo-pedonale d’Italia. Un posto ideale per scattare fotografie bellissime e farsi dei selfie suggestivi.

Ponte del Mare
Ponte del Mare

Viaggiare per la provincia

Dopo aver visto le attrazioni principali di Pescara, è il momento di riprendere l’auto e iniziare a esplorare la provincia. Per iniziare con l’energia giusta è consigliabile prima rilassarsi un po’. Per questo ragione è meglio spostarsi di soli nove kilometri verso nord, fino ad arrivare a Montesilvano, comune abbastanza grande (più di 50.000 abitanti) e attiguo a Pescara, rinomato per i suoi stabilimenti balneari.

Una volta ricaricate le pile, basterà solo un quarto d’ora di strada (una decina di kilometri verso ovest) per arrivare a Città Sant’Angelo, paese collinare che ha preservato il suo stile antico. Non a caso è stata inserito nella lista dei borghi più belli di Italia. Immancabile una visita alla Colleggiata di San Michele Arcangelo e un giro per le chiese sparse nel paese, tra cui quella di San Francesco con il suo caratteristico pavimento a mosaico.

Città Sant'Angelo
Città Sant’Angelo

Se apprezzerete Città Sant’Angelo, di sicuro non potrete non amare Penne. Prendendo la strada statale 81 dovete guidare per 22 kilometri verso ovest. Un piccolo viaggio di mezz’ora, ma con una grande soddisfazione alla fine.

Penne, anch’essa tra i borghi più belli d’Italia, è soprannominata “la città del mattone”. Questo è infatti utilizzato in quasi tutti gli edifici e in moltissime pavimentazioni. Un esempio su tutti è il Duomo con la sua suggestiva facciata romanica.

Questo paese non è però una meta importante solo per gli amanti della cultura. A poco distanza dal centro abitato, è infatti presente il Lago di Penne, piccolo bacino artificiale circondato da una riserva naturale famosa per il suo giardino botanico e per la varietà di uccelli che ci vive.

Da Penne, attraverso questa riserva, è inoltre possibile entrare nel famoso Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga. Una meta del genere non ha bisogno di presentazioni e ovviamente vi consigliamo di approfittarne se non avete mai avuto modo di andarci. Il nostro itinerario però prosegue in un’altra direzione, verso nuovi borghi e altre bellezze naturali.

Tra la Majella e il Morrone

Il nostro percorso procede verso sud, sulla strada regionale 487, per poco meno di cinquanta kilometri. La nostra meta è Abbateggio, piccolo paese non molto distante dal monte Majella. A differenza degli altri posti che abbiamo visitato, si tratta di un centro di dimensioni molto contenute (non arriva ai 400 abitanti), ma che nei suoi dintorni presenta alcune attrazioni davvero uniche.

A circa dieci minuti di strada, nell’omonima frazione, è possibile trovare l’incantevole Cascata di Cusano. Si trova alla fine di un sentiero abbastanza impegnativo, ma non impossibile. Qualora vogliate visitarla, vi consigliamo di informarvi prima sulla sua accessibilità.

Tra Abbateggio e Roccamorice è poi possibile visitare il Villaggio della Valle Giuventina, un antico insediamento pastorale risalente al neolitico con le caratteristiche capanne a tholos.

Parco Nazionale della Majella
Parco Nazionale della Majella

Proseguendo per altri dodici kilometri sulla SR487, si arriva a Caramanico Terme. Come dice il nome stesso, si tratta di un noto centro termale, il posto ideale per rilassarvi e ritemprarvi. Una volta fatto questo non potete mancare le bellezze architettoniche del borgo, tra cui la Chiesa di San Tommaso Becket e la Collegiata di Santa Maria Maggiore.

Chiesa di San Tommaso Apostolo. Caramanico Terme
Chiesa di San Tommaso Apostolo. Caramanico Terme

Ancora più interessanti sono le meraviglie paesaggistiche del Parco Nazionale della Majella. In particolare, a Caramanico è possibile visitare la Riserva Naturale della Valle dell’Orfento, un posto imperdibile se siete amanti delle escursioni, e il Centro di visita e museo naturalistico ed archeologico “Paolo Barrasso”.

A questo punto il nostro tour volge al termine ma, se viaggiate in compagnia di bambini, prima di tornare verso Pescara una buona idea può essere quella di fare una deviazione a Popoli, trenta kilometri più a ovest, dove potrere visitare il Centro Visita del Lupo, un centro di studio e tutela dove è possibile vedere e saperne di più di questo affascinante animale.

Da Popoli sono solo 52 kilometri verso il mare per tornare a Pescara, dove potete rilasciare la vostra auto a noleggio e prendere il volo o il treno per il ritorno. Come avete avuto modo di vedere le distanze di questo nostro viaggio sono molto contenute. Questa probabilmente la cosa più bella di Pescara e dintorni: cultura, divertimento, natura di vario tipo sono tutte a portata di mano. Ora che ne sapete di più, non avete più scuse per non provare questa esperienza.


Trova su Liligo i migliori voli per il tuo prossimo viaggio!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

footer logo
Fatto con per te