Il Magazine del viaggiatore icon
Il Magazine del viaggiatore
  •   3 minuti di lettura

Da alcuni mesi il Paese del sud-est asiatico è scosso da agitazioni e proteste di massa contro il governo. Le opposizioni locali hanno annunciato una nuova grande manifestazione per il 13 gennaio, con l’intento di paralizzare la capitale Bangkok. La Farnesina ha diramato ieri un comunicato che raccomanda prudenza e alcuni consigli ai connazionali sul luogo.La Tailandia e la sua capitale sono da sempre destinazioni molto apprezzate dai turisti, ma è anche vero che le attuali tensioni politiche non sono una novità per il Paese asiatico, la cui storia recente è segnata dall’alternanza tra periodi di democrazia e colpi di Stato militari, spesso appoggiati dalla monarchia locale.

Il quadro politico

Negli ultmi anni si è pericolosamente radicalizzato lo scontro tra i sostenitori del primo ministro Yingluck Shinawatra, sorella del popolare leader Thaksin – in esilio da alcuni anni per una condanna per corruzione, ma ancora molto popolare nel Paese, soprattuto tra le fasce più povere della popolazione – e  l’opposizione del “Comitato per la Riforma Democratica e Popolare”, sostenuto da monarchici, esercito e alta borghesia, e guidato da  Suthep Thaugsubar, che nel 2010, nelle vesti di primo ministro, a parti invertite, ordinò la dura repressione dell’allora opposizione, oggi al goverrno.

Bangkok

La situazione attuale e la manifestazione del 13 gennaio

Particolarmente duri sono stati gli scontri che hanno avuto luogo in occasione delle manifestazioni del 30 novembre e del 2 dicembre scorsi, con alcuni morti e centinaia di feriti, culminati con l’occupazione da parte degli antigovernativi di alcuni palazzi governativi. Neanche l’annuncio di nuove elezioni, fissate per il prossimo 2 febbraio, hanno allentato la tensione: l’opposizione intende infatti mantenere lo stato di agitazione fino al giorno del voto ed ha già dichiarato l’intenzione di paralizzare la capitale il 13 gennaio. Dall’altra parte si teme che l’attuale governo possa chiedere alle forze armate di reprimere la protesta, con il rischio di una grave spaccatura all’interno dell’esercito ed una conseguente ed imprevedibile escalation della situazione.

Manifestazione filogovernativa

Il comunicato della Farnesina

Queste tensioni avvengono nel periodo di alta stagione turistica nel Paese e rischiano di causare un crollo delle presenze straniere. La Farnesina ha finora evitato lo sconsiglio ufficiale di volare a Bangkok, ma nel comunicato diramato ieri ha invitato i propri connazionali in visita nel regno asiatico a tenersi aggiornati sull’evoluzione dei cortei attraverso i mass media locali ed internazionali, il proprio albergatore sul luogo o l’agente di viaggio. In generale le autorità italiane ribadiscono la necessità di mantenersi lontani da ogni tipo di assembramento e di evitare itinerari non turistici.

Cortei a Bangkok

Inoltre, per quanto riguarda i grandi cortei annunciati a Bangkok per il 13 gennaio, il Ministero degli Esteri italiano avverte che ci saranno grossi disagi per gli spostamenti in città e da/per l’aeroporto e raccomanda caldamente agli italiani che si troveranno nella capitale quel giorno di restare chiusi in casa o in albergo.

Altre avvertenze della Farnesina

Oltra alle tensioni politiche che hanno come scenario principale Bangkok,  il comunicato della Farnesina sconsiglia di recarsi nelle zone vicine alla frontiera con la Cambogia – per via delle tensioni tra i due Paesi, dovute a mai risolte dispute sui confini – e nelle province meridionali attraversate dal terrorismo separatista della minoranza musulmana e in cui vige dal 2005 lo stato d’emergenza.

Si ricorda, inoltre, di tenersi aggiornati sul meteo, poiché, anche se la stagione delle piogge è terminata, è possibile un deterioramento meteorologico, legato alle tempeste tropicali che possono abbattersi su alcune aree del Paese in questo periodo.

Infine si raccomanda ai turisti italiani di attenersi alle vaccinazioni e precauzioni sanitarie previste per chi parte verso Paesi tropicali, ricordando che dall’inizio del 2013 è in corso un’epidemia di febbre “dengue”, che ha già provocato decine di decessi nel nord della Tailandia.

Avete mai visitato la Tailandia? Qual è la vostra opinione sui recenti avvenimenti?

Foto: gerrypopplestone, gaikokujinkun, Nate Robert, maxim303 / Flickr cc.

Trova su Liligo i migliori voli per il tuo prossimo viaggio!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

footer logo
Fatto con per te