Il Magazine del viaggiatore icon
Il Magazine del viaggiatore
  •   3 minuti di lettura

La sempre polemica compagnia aerea irlandese mantiene ancora una volta una linea di comportamento piuttosto discutibile, senza incorrere (finora) nelle ire delle amministrazioni pubbliche o europee. Eppure le cose sembrano lentamente cambiare…


Ryanair, la compagnia aerea con più sovvenzioni, sottoscrive contratti che non ha poi di interrompere unilateralmente, per poi guadagnarci pubblicità gratuita, come nel caso della conferenza in Spagna per la chiusura della Spanair e conseguente presa in giro dei suoi dipendenti. Eppure, non sazio, il numero uno della low cost irlandese sposta la polemica in Ungheria, con un comunicato che, ironicamente, non esita a definire Ryanair, “La compagnia aerea preferita in Ungheria“. Convinto lui…

Cos’è andato storto?

La compagnia low cost ha pensato bene di affrettarsi ad annunciare l’apertura di nuove rotte da e per Budapest, a seguito del recente stop alle operazioni della compagnia aerea ungherese più rappresentativa, Malév. Voli per Malaga, Salonicco, Manchester, Alicante, una notizia che, pur interessando la polemica low cost, fa la felicità di ogni viaggiatore. Eppure qualcosa sembra essere andato storto…

In pratica, la compagnia a basso costo critica le procedure di sicurezza dell’aeroporto internazionale di Budapest, in cui i propri dipendenti sono costretti ad attraversare i varchi per il controllo di routine, in compagnia dei passeggeri. Pare che, a conti fatti, tale proceduta “costi” 25 minuti per ogni volo, causando ritardi sulle operazioni. E si sa, il tempo è denaro…

Ecco dunque l’iniziativa di Ryanair: cancellare almeno 13 voli tra il 3 ed il 16 marzo.

Aeroporto di Budapest

Muro contro muro

Che la società assuma dipendenti in tutta Europa, versando poi i contributi in Irlanda, è cosa nota, sebbene l’attività economica in questione non abbia nulla a che fare con il paese originario della compagnia low cost. Ora però, qualcosa sembra cambiare e c’è chi, dai piani alti della compagnia, comincia a storcere il naso…

L’operativo dei controlli di frontiera dell’aeroporto di Budapest ha comunicato che, tanto l’equipaggio, quanto piloti e passeggeri, devono portare a termine le procedure di controllo d’immigrazione in scala, il che implica un processo di circa 25 minuti. Questa procedura si applica a tutti i voli provenienti dall’Irlanda e dal Regno Unito.

Ebbene, secondo Ryanair, questa “stupida” (testuali parole) procedura non ha fatto altro che creare ritardi e disagi sulle tratte operate dalla compagnia, soprattutto considerando che i lavoratori vivono a Budapest… Che succede? Ora la compagnia reclama diritti in un paese in cui non paga le tasse?

varchi

Una linea di pensiero “low cost”

Come era lecito attendersi, ora protestano: dai vertici, hanno comunicato che dal 1° marzo scorso, non soddisfaranno più i requisiti richiesti dagli organi di sicurezza dell’aeroporto magiaro. Conclusioni? La società non ha ricevuto i permessi necessari per effettuare le proprie operazioni dall’aeroporto internazionale di Budapest.

Ryanair non ci sta ed annuncia cancellazioni a raffica per le prossime settimane, uno stop ai voli che interessa circa 4.000 passeggeri, costretti a terra. Una pressione dall’etica discutibile e una nuova apparizione sulle prime pagine, lasciando da parte, almeno per ora, il discorso inerente la legalità delle proprie azioni.

Michael O’Leary, numero uno della compagnia irlandese, attende fiducioso la rimozione di un processo definito “inefficace“. Si chiede inoltre che la compagnia venga esonerata dal compiere una procedura che, ad oggi, interessa tutti i voli provenienti dall’area non-Schengen, risparmiando così quei 25 minuti giudicati essenziali per le attività della compagnia stessa. Intanto, quei 4.000 resteranno a terra…

Voli colpiti

I voli interessati dalle cancellazioni annunciate sono i seguenti:

Sab 3 Marzo
FR
8355 / 8356
Budapest-Memmingen-Budapest
Dom 4 Marzo
FR
8513 / 8514
Budapest-Salonicco-Budapest
Lun 5 Marzo
FR
8553 / 8554
Budapest-Baden-Budapest
Mar 6 Marzo
FR
8355 / 8356
Budapest-Memmingen-Budapest
Mer 7 Marzo
FR
8513 / 8514
Budapest-Salonicco-Budapest
Gio 8 Marzo
FR
8357 / 8358
Budapest-Manchester-Budapest
Ven 9 Marzo
FR
8553 / 8554
Budapest-Memmingen-Budapest
Dom 11 Marzo
FR
8513 / 8514
Budapest-Salonicco-Budapest
Lun 12 Marzo
FR
8553 / 8554
Budapest-Baden-Budapest
Mar 13 Marzo
FR
8355 / 8356
Budapest-Memmingen-Budapest
Mer 14 Marzo
FR
8513 / 8514
Budapest-Salonicco-Budapest
Gio 15 Marzo
FR
8357 / 8358
Budapest-Manchester-Budapest
Ven 16 Marzo
FR
8553 / 8554
Budapest-Baden-Budapest

Qual è il tuo punto di vista a riguardo? Ritieni giusto un eventuale trattamento di riguardo?

Foto: Paolo MargariorangejackCarmen Alonso Suarez / Flickr cc.

Trova su Liligo i migliori voli per il tuo prossimo viaggio!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

footer logo
Fatto con per te